Le persone di maggior successo non sono quelle che operano in condizione di minore incertezza ma quelle che imparano a gestirla meglio - A.Rosina

articoli

agenda

21/10/2021
18.00
C.F.P. Cebano-Monregalese
Ripartiamo dai giovani - Fondazione CRC C.F.P. Cebano-Monregalese sito | informazioni
21/10/2021
9.30
ADI Design Museum, Milano
Foresight Milano 2021 ADI Design Museum, Milano sito |
16/10/2021
11.45
Viale Buon Pastore, 43 - Modena
Comunità Maiuscole. Giovani, competenze e nuova socialità sito | informazioni

Mediateca

commenti e riflessioni

Degiovanimento

Arriva in ritardo dalle nostre parti, il dibattito su giovani e potere e grazie ad un vescovo coraggioso di umili origini: «bamboccioni» incapaci di stracciare la figurina di Peter Pan o giovani vittime bloccate dalle oligarchie delle caste, siano esse politiche, professionali o industriali. Eppure, perfino il vocabolario della lingua italiana è stato costretto ad aggiornarsi. Non c’è più solo antipolitica e discontinuità, perfino il più recente monnezzopoli o il già datato tangentopoli. C’è, da un anno appena, degiovanimento (sostantivo maschile, perdita del bene prezioso della gioventù), un neologismo ideato e studiato da Alessandro Rosina, ricercatore della «Cattolica» di Milano, trentanove anni e testimone della fatica per la conquista di una cattedra universitaria. (Antonio Manzo, Mattino, 13 maggio 2009, Salerno, p. 27) • [tit.] Il rischio degiovanimento [testo] Ormai sono lontani i tempi degli allarmi sulla denatalità, quando si annunciavano i rischi che avrebbe potuto conoscere la società italiana. Oggi il fenomeno non fa più notizia, al contrario rientra nei processi di lenta metabolizzazione dei cambiamenti. Un neologismo fotografa la mutata situazione e proietta un’ombra inquieta sui prossimi decenni: la parola è «degiovanimento» che è qualcosa di più di invecchiamento. L’Italia non solo è, e continuerà ad essere, un “Paese per vecchi”, ma vedrà le nuove generazioni indebolite nella loro tradizionale carica di soggetti portatori di cambiamento e di crescita. (Giovanni Santambrogio, Sole 24 Ore, 30 giugno 2013, p. 30, Cultura e sviluppo) • Più elevate sono le risorse culturali e il capitale sociale, più tende a prevalere la componente della scelta. Viceversa, più basse sono le condizioni di partenza combinate con alte aspettative, più ci si sposta per necessità. In entrambi i casi sono soprattutto i laureati e i più dinamici ad alimentare la crescita dei flussi verso l’estero, con conseguente accentuazione del degiovanimento quantitativo e qualitativo della popolazione italiana. Ma più recentemente è aumentato il contributo ai flussi in uscita delle persone di mezza età. (Alessandro Rosina, Repubblica, 5 aprile 2017, p. 6).

Innovare non basta, bisogna includere

Non possiamo andare lontano con una parte della classe politica che pretende di cambiare il Paese senza capirlo e l'altra parte che cavalca le paure di un cambiamento non capito. Non può funzionare così un Paese. Innovare non basta, bisogna includere. Cambiare non basta, bisogna costruire processi decisionali inclusivi di cambiamento.